DOVE MANGIARE VEGAN A VIENNA

Cari aficionados, come state?
In questo post, che spero vi farà viaggiare, condivido con voi la seconda parte del diario dei giorni appena trascorsi a Vienna (se vi siete persi la prima puntata, la trovate qui).

Oggi vi porto a spasso per le vie del centro, dove si trova uno dei simboli della città, Stephansdom, ovvero la cattedrale di Santo Stefano che domina il centro storico dall’alto delle sue guglie.

duomo

Da qui ha inizio il Graben, l’antico fossato divenuto (nel XIX sec.) una strada lussuosa con eleganti edifici e negozi costosi.

grabenA pochi passi dal Graben, ogni giorno a mezzogiorno si può assistere al cambio d’ora dell’orologio dell’Anker, un orologio a figure mobili degli inizi ‘900, davvero uno spettacolo unico, con i suoi personaggi dipinti che sfilano accompagnati da musica. Qui trovate un video.
Torniamo al Graben, dove proseguendo arriviamo alla Nationalbibliothek. Davvero consigliatissima una capatina in questa biblioteca barocca, tra le più belle al mondo, che ospita oltre 200000 libri antichi! Passeggiare tra gli scaffali di legno che ricoprono le pareti, sotto le volte affrescate, è stata un’emozione indescrivibile.

FullSizeRender(4)

Dopo tutto questo girovagare inizia a farsi sentire una certa fame, così ci dirigiamo in zona Prater, dove si trova Harvest Cafè, un bistrot vegetariano e vegan. Qui il brunch segue la formula ‘all you can eat’, ovvero per 15,00 euro si può mangiare quanto si vuole! IL BRUNCH E’ INTERAMENTE VEGAN, e troviamo tutto molto buono.

harvest

Ecco ‘alcune’ delle ottime pietanze che abbiamo assaggiato da Harvest caffè (burrito, polpette, olive ascolane, hummus, cavolfiori arrosto alla paprika… )

brunch

Una menzione speciale la meritano i dolci. Date un occhio a queste meraviglie!!!

tortazza

Noi abbiamo ordinato una tortazza multistrato tutta panna ai frutti di bosco (battezzata #ciaomagre) e questo gioiellino al cioccolato senza glutine, praticamente un chilo di cioccolato:

12105914_974271435967645_1948427455938425122_n

Salutiamo Harvest cafè con qualche chilo in più, direzione Prater, il parco dove i viennesi amano trascorrere il tempo libero, soprattutto nei weekend. Qui si trova la Riesenrad, ovvero la ruota panoramica, del 1897, dove con meno di 10 euro si può fare un giro e godere della vista sulla città. Se come me soffrite di vertigini, sconsiglio di salire, perchè alta più di 60 mt… io, non so cosa mi è preso, sono salita, ma ho rischiato un infarto ahahahah #momentidipazzia

FullSizeRender(5)

Dal Prater in un attimo si può raggiungere a piedi l’Hundertwasserhaus, case popolari costruite dal celebre architetto Hundertwasse e caratterizzate da colori accesi e forme bizzarre. Purtroppo l’edificio non può essere visitato all’interno, ma vale comunque la pena una visita se siete da quelle parti!

FullSizeRender(6)

La giornata è volata e arriviamo a sera coi piedi che friggono 🙂

Il giorno dopo programma soft, con passeggiata nel quartiere dei musei, dove si passa per l’edificio del Parlamento, poi il Municipio (Rathaus), circondato da un bellissimo parco, pieno di panchine dove poltrire al sole (c’erano 17°C!!)

rathaus

Dopo un giro del parco

12809730_1008455299190270_2561485996137564532_n

andiamo a visitare il Mumok, Museo d’arte Contemporanea.

IMG_0888

Non lontano da qui troviamo un posticino molto particolare, Gagarin Cafè, dove rifocillarci per il pranzo.

Qui il prezzo di quello che mangiate lo decidete voi, in base alle vostre possibilità economiche. La filosofia che sta dietro a questo progetto è che chiunque ha diritto a un buon pasto, quindi chi può lascia un’offerta maggiore, che sosterrà anche un pasto per chi non ha possibilità.
Noi abbiamo scelto il menù, che comprendeva una vellutata (buonissima!), e un piatto combinato composto da involtini ripieni di riso speziato e verdure, ragù di tofu affumicato e insalata. In più abbiamo assaggiato l’hummus, molto particolare, che prevedeva un ingrediente insolito (appena torno provo a replicare la ricetta e condividerla, l’ho già battezzato ‘hummus Gagarin‘). Lo stra consiglio, soprattutto se avete un animo punk e vi piace il cibo vegan casereccio! vorrei un posto così sotto casa!

12439416_1304635426216890_6675495575818879238_n

12924475_1304635376216895_7425183010777781334_n

12670711_1304635419550224_1179360966990962110_n

Dopo questa mangiata colossale, ci vuole un po’ di moto. Perchè non farsi una nuotata? No, non sono impazzita! A Vienna c’è una piscina meravigliosa, che catturerà chi, come me, ama le atmosfere tipo Wim Wenders. Sto parlando di Amalienbad! Date un occhio qui e qui.

***

L’ultimo giorno prima di partire, quasi per caso, ci troviamo di fronte alla vetrina di una libreria, vicino a Naschmarkt. Tenetevi forte: è una libreria specializzata in LIBRI DI CUCINA! Non solo, da Babette’s, questo il nome del posto, vendono anche spezie e organizzano corsi di cucina, oltre a cene e degustazioni. Qualche assaggio del posto? La sezione vegetariana e vegan è davvero ben fornita, io in particolare ho lasciato il cuore su un libro, ma ahimè davvero non avrei saputo dove metterlo nel bagaglio a mano!

babette

libreria

vetrina

vegetarish

Il libro è questo, ed è interamente dedicato a ricette veg senza glutinea base di farina di ceci. Prima o poi sarà mio eheheh

libro farina di ceci

Non potevamo infine non passare da Superfoods, un risorante vegano e crudista strepitoso, che mi avete consigliato in tanti prima di partire.
In effetti merita tantissimo, piatti buonissimi, spendendo poco, ambiente rilassato, e soprattutto… ottimo kombucha autoprodotto!!! superfood

Noi abbiamo preso due ‘wrap’, ovvero piadine, crude. Una sfoglia era a abse di spinaci e spirulina, mentre l’altra era con pomodori, semi di lino e spezie. Il ripieno, spero si intuisca dalla foto, era golosissimo: avocado, germogli, salsina alla menta, verdure fresche e semi. Il costo comprese le bibite (Kombucha e birra alla canapa) è stato di 12 euro a testa.

12923144_1305251992821900_4813874710688370430_n

12592249_1305252776155155_9026471552773368750_n

kombucha

Questa invece era ripiena di falafel di ceci germogliati.

44411_1305251989488567_6931048237781756324_n

Dimenticavo, potevamo non provare i dolci? Il paradiso.
12919700_1305251986155234_3009271014155264922_nDopo quest’ultima fetta di torta, credo mi metterò per un po’ a dieta!!!!!!

Spero abbiate trovato spunti interessanti, magari per programmare il vostro prossimo viaggio, se avete domande, non esistate a scrivermi!

A presto, con la ricetta dell’hummus Gagarin!!

Se siete interessati ad altri viaggi vegan e low cost, vi consiglio di dare un occhio nel menù in alto, nella sezione ‘viaggi’

8 Comments

  • Manuela

    10 aprile 2016 at 11:58

    Ciao Lucy…da tempo Aure e io sogniamo di andare a Vienna…quando riusciremo ad andare, la tua guida ci sarà davvero utile…grazie <3 In questo post in particolare mi hanno colpito la libreria stupenda (avevo adocchiato anch'io quel libro su internet) e il localino crudista…e poi quella libreria, wow…da salire su una scaletta e iniziare a cantare come Belle ne La Bella e la Bestia 😀 Nell'altro post, invece, il mercatino dell'usato e ovviamente il castello di Sissi! Vi siete fatti proprio un bellissimo viaggio 🙂
    A presto Lucy, un bacio

    Rispondi
    • La BalenaVolante

      15 aprile 2016 at 11:31

      Esatto!!!!!! mi ha rimandato proprio alla Bella e la bestia!! eheh, che occhio!! Il libro sulla farina di ceci mi sa che la nostra amica Sissa se l’è comprato, ora la tampino per capire com’è… senti, ma prossima volta che sono a Milano ci proviamo un dolcetto crudista da Mantra? E’ vero che sono a dieta, ma in fondo quelli crudi contengono ‘solo’ un po’ di frutta, no??? :-)))))

      Rispondi
    • La BalenaVolante

      15 aprile 2016 at 11:28

      Ciao Cri, ultimo exploit per me prima di mettermi a dieta! Prima volta in vita mia che prendo in considerazione questa opzione, ma ho preso 10 kg e forse è il caso… eheheh, comunque solo a rivedere le foto… mi viene una nostalgia! Non so se dei piatti o della città hihihiih
      un bacione

      Rispondi
  • Alessandra

    13 aprile 2016 at 20:54

    Dev’essere davvero splendida Vienna! Non appena il bimbo sarà un po’ più grande, spero di riuscire a fare un viaggetto. E poi…mi hai fatto venire una voglia di assaggiare quelle torte meravigliose!

    Rispondi
    • La BalenaVolante

      15 aprile 2016 at 11:27

      Ciao Ale, Vienna è una città davvero a misura di famiglia, comodissima da girare e con tantissime aree gioco, sono certa che quando sarà cresciuto un po’ potrete godervela insieme <3 la torta se solo ci penso ingrasso ahahahhahaha

      Rispondi
  • Serena di Enjoy Life

    23 aprile 2016 at 0:23

    Ma quanti post mi ero persa???!???!?
    Che bel racconto di viaggio!
    Eh sì, Vienna mi affascina, mi piacerebbe andarci! Quando sarà, i tuoi consigli saranno utilissimi! Grazie 🙂
    Che acquolina la torta dell’ultima foto 🙂

    Rispondi

Lascia un commento