POLPETTE VEGETALI AL SUGO

Toc toc… c’è nessuno?! Ricompaio qui, in questo angolino della blogosfera, dopo qualche tempo (mesi!) di latitanza, e lo faccio con una ricetta un po’ ‘vintage’, di quelle che mi ricordano il grembiule di cotone sdrucito di mia nonna, le sue mani nodose mentre massaggiano vigorosamente un impasto, il piano di legno coperto di farina, una cucina piena di oggetti con una storia, vissuti, una pentola di sugo che borbotta sul fornello a gas, e l’inconfondibile profumo di chiodi di garofano, alloro e noce moscata nell’aria.

Mi piacciono i piatti che sanno di vecchi ricordi, in cui non si lesina sui condimenti, vino rosso per brindare, l’olio buono sul pane, da farci la scarpetta per raccogliere l’ultimo boccone.

Mi piacciono i piatti preparati con amore. Non importa se sono per qualcun altro o per viziare noi stessi.

Ecco, queste polpette vegetali al sugo racchiudono un po’ dei sapori usati da mia nonna, e la pentola di ghisa in cui le ho preparate, un po’ ammaccata, è un suo caro ricordo, che non butterei mai via per nulla al mondo. E non c’è pentola con cui cucini meglio. Delle polpette al sugo saporite, condite, che una volta finite invogliano a fare la scarpetta per ripulire il piatto… provare per credere!

INGREDIENTI
(per 24 polpette vegetali al sugo, circa 4 persone)

460 g di fagioli borlotti cotti
250 g di farro cotto
sale marino integrale q.b.
olio extravergine di oliva
3 spicchi di aglio
1 cipolla dorata
400 ml di polpa rustica di pomodoro
3 manciate di prezzemolo
2 cucchiai di origano
3 foglie di basilico fresco
150 g di farina d’avena o farina di ceci (se avete dei fiocchi d’avena potete sminuzzarli nel frullatore riducendoli in farina)

In una casseruola, fai rosolare la cipolla tagliata finemente nell’olio extravergine, aggiungi un po’ di sale, 3 foglie di basilico fresco, e infine la polpa. Fai cuocere a fuoco basso, lentamente.

Mentre si cuoce il sugo di pomodoro, accendi il forno a 180°.

In un tegame, metti a rosolare l’aglio nell’olio extravergine, poi aggiungi il farro e i fagioli e mescola, aggiungendo sale e prezzemolo. Spegni il fuoco, e trita tutto con il minipimer. Occhio: non deve diventare una crema omogenea, ma assomigliare più a un impasto grezzo.

A questo punto forma delle polpette, passandole nella farina d’avena, e mettile in una teglia da forno. Inforna a 180° per 15 minuti.

Lasciale raffreddare per bene, fin quando si sono indurite, poi passale 2 minuti nel sugo di pomodoro, aggiungendo l’origano. A questo punto le polpette al sugo sono pronte, e possono accompagnare un piatto di polenta, oppure essere usate come condimento per dei bucatini, come nella famosa scena di Lilly e il Vagabondo.

Fatemi sapere se provate queste polpette vegetali al sugo, aspetto le vostro foto 🙂

Vi piacerebbe un video di questa ricetta? Fatemi sapere!

 

One Comment

Lascia un commento