• Home
  • /
  • LETTURE
  • /
  • La forchetta dei 5 sapori, di Felicia Sguazzi, edito da Sonda (2016) e il dolce della mia infanzia

La forchetta dei 5 sapori, di Felicia Sguazzi, edito da Sonda (2016) e il dolce della mia infanzia

Cari aficionados, come state? Oggi vi parlo di un libro scritto da una blogger che seguo da tempo, forse tra i primi blog vegani che ho iniziato a seguire, parlo del mitico le delizie di feli, di Felicia Sguazzi!

Una volta scherzando le avevo buttato lì, nel commento a una sua ricetta, ‘dovresti scrivere un libro!’. Potete quindi immaginare quanto fossi felice quando ho avuto la notizia della pubblicazione di questo volume!

Oltretutto, finalmente, ho trovato la ricetta del mio dolce preferito di quando ero bambina, non solo in chiave vegan, ma anche senza glutine: la torta sbrisolona! Mia nonna infatti è mantovana e in casa questa torta è sempre stata presente, almeno prima che io diventassi vegana, visto che era un concentrato di burro! Quando ho iniziato a sfogliare il libro di Feli, mi è subito caduto l’occhio su questa ricetta! Gioia al cubooo!

Di questo libro (oltre alla sbrisolona), la prima cosa che mi ha colpito è stata l’originalità con cui sono state organizzate le ricette, ovvero per sapori: amaro, aspro, dolce, salato, e umami. Da qui il titolo La forchetta dei cinque sapori! In effetti Felicia nel suo blog dedica sempre molta cura a descrivere le note aromatiche dei piatti che propone e qui ho ritrovato lo stesso impegno.

Le ricette oltre a essere vegane sono anche senza glutine! Al momento come ricettari vegan e gluten free ho sempre fatto riferimento a testi americani o comunque stranieri (qui ne trovate trovate recensiti alcuni!), visto che in italiano non c’era nulla di specifico, quindi anche per questo sono molto grata a Felicia e a Sonda per aver pubblicato questo testo!

Se pnesate che vegano e senza glutine non possano coesistere, vi ricrederete. Basta guardare quanti tipi di farine ci sono in questo libro! Oltre alle preferite di Feli (mais e grano saraceno) ci sono quelle di miglio, piselli, sorgo, lenticchie, lino, mandorle, castagne, soia, riso… con questa incredibile scelta è possibile realizzare piatti gustosi sempre diversi! Altro che ‘solita insalata’!

Vediamo ora più nel dettaglio alcuni esempi di ricette a partire dall’UMAMI. Di questa categoria mi ha colpito in particolare il risotto pomodoroso, una ricetta molto rappresentativa di questo particolare sapore, grazie ai pomodori maturi e succosi e alla leggera nota acidula. Ecco, purtroppo per me il riso al pomodoro è da sempre quello della mensa delle elementari, condito con super attak (se giravi il piatto infatti il riso se ne stava perfettamente immobile, ancorato al suo piatto!!) e pomodoro concentrato diluito… per anni è stato impossibile dimenticare e superare questo trauma, ma vedendo questo risotto pomodoroso credo sia arrivato il momento di rivalutarlo!

Tra l’altro le foto, scattate dalla stessa Feli, sono riuscite a catturare perfettamente la ‘golosità’ di ogni piatto, con grande semplicità. Le immagini infatti hanno come protagonista il cibo. Niente apparecchiature, set e allestimenti con oggetti vari. L’immagine a colori a tutta pagina cattura la ricetta così come viene servita sulle nostre tavole.

L’AMARO per me è un sapore molto difficile, ma qui ho trovato tantissime ricette da provare, con ingredienti protagonisti biete, liquirizia, noci, radicchi, tarassaco, zafferano e… cioccolato! (potete immaginare su quale sia ricaduta la mia preferenza…!)

Nel capitolo SALATO c’è una prevalenza di antipasti e stuzzichini, primi piatti, pizze e focacce. Qualche esempio? Brisè cremosa con zucchine, muffin alle bietole e frittelle di campo.

L’ASPRO è tra quelli che preferisco, con il risotto alle ciliegie, i lemon cakes e il pesto a base di foglie di carote, da abbinare a verdure crude.

A questo proposito devo dire che ci sono parecchie ricette per chi ama la cucina crudista, o per chi, come me, cerca di incrementare le dosi di cibo crudo e integro nei propri pasti! Le idee sono moltissime, dai crackers ai dolci!

Chiudiamo con il DOLCE, che non comprende solo ‘dolci’ come le frittelle di castagne con crema di mandorle, ma anche sorgo con ortiche allo zenzero, porri al cartoccio, e i gnocchi di zucca alla mantovana!

Per un totale oltre 110 ricette vegan e senza glutine!

Questo libro lo consiglierei a tutti, visto che accontenta tutti. Per me in particolare è un grande stimolo a scoprire nuovi sapori!

Se l’avete preso, sono curiosa del vostro parere, se avete già provato qualche ricetta in particolare, se ce n’è qualcuna che assolutamente mi consigliate!

3 Comments

  • Felicia

    6 giugno 2016 at 20:17

    Che emozione leggerti…. bellissimo post, con semplicità sei riuscita a trasmettere l’essenza del libro e mi hai “letta” proprio come fossi io stessa un libro, in effetti…. è proprio così, noi cuciniamo e condividiamo noi stessi. Grazie, un abbraccio <3

    Rispondi
  • Serena di Enjoy Life

    10 giugno 2016 at 1:19

    Avevo già visto il libro di Felicia sul suo blog e poi avevo letto la recensione di Daria, ma ancora non sono riuscita a prenderlo 🙁
    Spero di riuscire presto ad acquistarlo perchè la tua recensione ha aumentato ancor più la mia voglia di averlo!
    In effetti quello che più mi intriga è la suddivisione delle ricette per tipologia di sapore, molto originale!
    Ciao, un abbraccio
    Serena

    Rispondi

Lascia un commento