• Home
  • /
  • LETTURE
  • /
  • IL BAMBINO CHE MORSE PICASSO. Di Antony Penrose. Edito da Gallucci.

IL BAMBINO CHE MORSE PICASSO. Di Antony Penrose. Edito da Gallucci.

Antony Penrose, autore di Il bambino che morse Picasso, edito da Gallucci, è cresciuto in una famiglia di artisti; la mamma, Lee Miller, modella e fotografa, e il papà Roland Penrose, poeta surrealista e pittore. Farley Farm, la loro casa nel Sussex, era frequentata da personaggi celebri tra i quali Max Ernst, Joan Mirò, Henry Moore, Man Ray e il grande Picasso.
Ecco spiegato come si conobbero il piccolo Tony (questo il diminutivo di Antony) e Pablo Picasso.

I due, nonostante non parlassero la stessa lingua e la notevole differenza di età, avevano parecchio in comune… entrambi amavano gli animali, si divertivano a fare molti giochi e adoravano disegnare. Potevano due così non diventare subito amici?

“Mi chiamo Tony.
Da piccolo vivevo in una fattoria nel Sussex, in Inghilterra, e avevo un amico fuori dal comune.
Aveva due occhi neri e profondi, un grande sorriso e mani meravigliose. Erano davvero meravigliose
perché riuscivano a fare disegni e quadri e sculture e collage e vasi e piatti e mille altre cose.
Il mio amico si chiamava Pablo Picasso ed è stato uno dei più grandi artisti mai esistiti”

Ora che è diventato grande, Antony ha aperto il suo album dei ricordi e ci racconta del suo straordinario compagno di giochi, visto con lo sguardo del bambino di allora, offrendoci una versione del tutto inedita del grande artista del 900; sfogliando queste pagine dense di aneddoti, infatti, è come spiare la vita quotidiana del grande pittore, avvicinandoci alle abitudini, gli amici, i suoi adorati animali, la sua casa.

65 splendide immagini, che comprendono opere di Picasso, disegni dell’autore e fotografie scattate dalla mamma di Antony, ritratti della vita intima dell’artista, come quella di Esmeralda, la sua amata capretta, che dormiva in una culla fuori dalla sua camera e da lui resa celebre in diverse sculture e dipinti.

“Una volta, mentre stavamo giocando, io ero così agitato che, preso dal gioco, diedi un morso a Picasso. Picasso si girò e mi morse anche lui, e forte! Prima che io cominciassi a urlare, la mamma sentì che Picasso diceva in francese: ‘Accidenti! Questo è il primo inglese che mordo in vita mia!’ “

… e se per tutti noi Picasso rappresenta uno degli artisti più famosi al mondo, con oltre 2.000 dipinti, più di 7.000 disegni, 1.000 sculture e molto molto altro… Per quel bambino che gli diede un morso, resterà impresso nel cuore come l’amico più straordinario che abbia mai avuto!

2 Comments

Lascia un commento